Il 20 giugno 2020 abbiamo celebrato la prima edizione della Giornata Mondiale del Cinema Italiano. L'iniziativa è nata dalla risoluzione n. 7-000225, approvata all’unanimità l'11 dicembre 2029 dalle Commissioni riunite III (Affari Esteri e comunitari) e VII (Cultura Scienza e istruzione). La risoluzione impegna gli istituti di cultura e le ambasciate italiane a dare visibilità in contemporanea mondiale alle opere dei nuovi autori e a celebrare i grandi maestri del nostro cinema.
 

La prima Giornata Mondiale del Cinema Italiano: un'occasione per dare visibilità alle opere di nuovi autori e grandi maestri del nostro Cinema.

La presentazione dell'iniziativa nel corso della premiazione dei David 2020

Nel corso dell'edizione 2020 gli eventi si sono svolti in forma digitale, offrendo sulla piattaforma RaiPlay la Cinquina dei cortometraggi selezionati dall’Accademia del Cinema italiano – Premi David di Donatello, fruibili per l'occasione in tutto il mondo senza limitazioni dovuti alla “geoprotezione” e sottotitolati in inglese, francese e spagnolo.
 

Giornata Mondiale del Cinema Italiano: i cortometraggi vincitori dei David di Donatello 2020 disponibili su RaiPlay

La web conference del 20 giugno 2020

Come nasce la Giornata Mondiale del cinema Italiano

In occasione del centenario dalla nascita di Fellini, il 20 gennaio 2020, l’Intergruppo parlamentare Cinema e Arti dello Spettacolo ha presentato in conferenza stampa alla Camera la risoluzione parlamentare approvata all’unanimità sulla Giornata Mondiale del Cinema Italiano, che si pone l’obiettivo di dare spazio ai nuovi autori e celebrare i grandi maestri del cinema del nostro Paese. 

"Sappiamo bene quanto sia importante la distribuzione cinematografica" - ha dichiarato il deputato Nicola Acunzo, presidente dell’Intergruppo parlamentare, promotore del progetto.

"Così, attraverso le proiezioni delle opere nella rete delle ambasciate, dei consolati e istituti italiani di cultura all’ estero, con un'azione promozionale integrata, giovani autori e autrici avranno maggiore visibilità e di conseguenza possibilità di trovare finanziamenti per i successivi lungometraggi. La condivisone di questo progetto da parte di tutte le forze politiche ne rafforza l’azione e il fine ultimo che è anche quello di incentivare l’indotto proveniente dal Cineturismo."

"A testimonianza della vicinanza del governo ai giovani autori – ha aggiunto Acunzo - è stato proposto un evento presso la Scuola “Fondamenta” diretta da Giancarlo Sammartano. Durante la serata sono stati proiettati tre cortometraggi di autori emergenti che ci hanno colpito ed emozionato con temi di estrema attualità: ‘In Zona cesarini’ regia di Simona Cocozza, ‘Di chi è la terra?’ scritto e diretto da Daniela Giordano e ‘Bellissima’, regia di Alessandro Capitani. Non sono mancate testimonianze di ambasciatori del cinema e dell’arte italiani collegati via web dall’estero che, in contemporanea mondiale, hanno potuto seguire ed apprezzare gli stessi cortometraggi selezionati e proiettati in Italia”.